Contenuto principale

 

IL PRESEPE MECCANIZZATO

Facciata Chiesa San SebastianoL’Oratorio dei Santi Sebastiano e Rocco ospita il presepe meccanizzato, il quale viene allestito nel periodo compreso tra la settimana precedente al Natale e la fine del gennaio successivo, grazie al volenteroso lavoro dei componenti dell’associazione “gli amici del presepe”.

Occupa una superficie di circa 70 mq, su cui sono collocate alcune centinaia di figurine, di cui 100 sono in movimento, azionate da appositi motorini.

Il tema centrale è naturalmente quello della Natività, ma sono anche rappresentati gli antichi mestieri agricoli, artigianali di Campo Ligure.

Particolare importanza è conferita alle varie fasi della lavorazione del ferro, poiché dal XIV al XIX secolo le ferriere e le fucine erano gli elementi trainanti dell’economia locale.

Altra attività fondamentale era l’utilizzo del legname, evidenziato dai diversi gruppi di taglialegna.

Naturalmente non manca un laboratorio di filigrana!

Alla fine dell’ 800 vennero intagliate le prime figurine e nel 1910 Gio  Batta Macciò (Crispi) ed il cappellano dell’oratorio inserirono i primi elementi in movimento.

Inizialmente il presepe era mosso da una ruota di bicicletta fatta girare per mezzo di una manovella; le statue mobili era collegate mediante cinghie ad un unico asse.

Nel 1915 arrivò la corrente elettrica e la ruota venne azionata da un motore.

Inseguito alla grande guerra l’ attività venne fu interrotta, per poi essere ripresa fino al 1933. Per alcuni anni il presepe venne esposto in luoghi diversi a Genova.

  Dettaglio Capanna

Nel secondo dopoguerra tornò a Campo Ligure, non vi restò a lungo, infatti ebbe inizio una lunga serie di trasferimenti, fino a quando nel 1976 Macciò ripropose una grande edizione del presepio nell’ atrio di San Sebastiano e Rocco. Da quel momento aumentò in maniera sensibile il numero delle statue, ma l’apparato scenico divenne sempre più complesso grazie alla collaborazione della figlia di Macciò, la professoressa Carla, ed il pittore ceramista De Vignola.

L’afflusso di visitatori ogni anno è piuttosto elevato.      

dettaglio fucine