Contenuto principale

 

IL CASTELLO

Castello Spinola

Dall’alto della collina il castello domina Campo Ligure circondato da prati e abeti e coronato dalle montagne coperte da boschi di castagni. Vi si accede dal centro storico, dove, già in epoca medievale, fiorivano industria e commercio.

 La fortificazione fu eretta a controllo di un’importante via di comunicazione tra il genovesato ed il Monferrato. La data di fondazione è incerta: alcuni studiosi la fanno risalire addirittura all’epoca romana, altri al IX secolo, la maggior parte, tuttavia, ritiene che il castello sia una costruzione tardo-medievale. 

Castello e Uva

Agli inizi del Trecento la famiglia genovese degli Spinola ottenne il borgo in feudo, mentre i vicini centri di Masone e Rossiglione continuarono a far parte della repubblica di Genova. Il castello divenne il simbolo indiscusso della famiglia che temporaneamente vi abitava. La difesa ed il controllo del paese e delle vallate era affidato a pochi soldati.

Nel 1310 la fortificazione era già dotata di cinta, ed era difesa da tre torri cilindriche aperte verso l’interno, modificate nel corso del XV secolo con l’aggiunta di una base a scarpa e l’apertura di bocche da fuoco. Erano presenti, inoltre, diversi passaggi sotterranei e aerei che collegavano il castello al borgo.

Delle tre costruzioni rimane ancora soltanto quella ad est, mentre quella a sud è stata trasformata in abitazione e quella a nord è crollata in seguito a una frana.

Castello in Notturna

La vita del castello e le sue vicende continuarono nel tempo con ristrutturazioni ed adattamenti fino alla fine del XVIII secolo, quando, a seguito degli eventi rivoluzionari, gli Spinola dovettero abbandonare e vendere il castello.

La scarsa manutenzione e il passare del tempo ne causarono, in seguito, una lenta rovina, che fu interrotta grazie ai restauri (compiuti negli anni novanta del secolo XX), successivamente all’acquisizione da parte del comune,  i quali resero nuovamente fruibile il castello.